Musei e castelli, la provincia si mette in mostra: dieci mln di euro per la cultura

Dopo i poli scolastici arrivano i poli museali. Prima l’istruzione e ora la cultura. La provincia a trazione centrodestra investe così i propri avanzi di amministrazione.
Cominciò Domenico Gambacorta che scelse di impegnare 26 milioni di euro nella creazione di cinque poli formativi; quattro anni dopo, eccezion fatta per la nuova sede e i nuovi laboratori di Viale Italia dell’Università Enologica di Avellino, i risultati e i corsi di studio ancora non si vedono, ma Ariano e Montoro hanno messo almeno in cantiere i lavori di ristrutturazione dell’ex Giorgione e del Convento di Santa Maria degli Angeli. Se qualche giovane studente riuscirà prima o poi a diplomarsi sarà solo il tempo a dirlo, nel frattempo però Palazzo Caracciolo, versione Biancardi, inverte la rotta e dall’istruzione ora punta forte su turismo e cultura.
Del tesoretto da trenta milioni di euro a disposizione dell’ente di Piazza Libertà vi abbiamo già dato notizia, ora il nuovo presidente della provincia sembra aver deciso come investire i primi dieci milioni di euro, puntando alla realizzazione dei poli museali: obiettivo la valorizzazione del patrimonio che ogni area della provincia custodisce. Nulla di ex novo, i fondi saranno destinati alla riqualificazione e rifunzionalizzazione, alla creazione di una rete diffusa e progetti di ricerca per le strutture già a disposizione di Palazzo Caracciolo.
Il primo annuncio e i primi fondi sono stati spesi per la ristrutturazione del meraviglioso castello di Gesualdo, a buon fine è andato l’incontro tra Biancardi e il sindaco Pesiri, da definire è ancora la progettazione e il programma di interventi. Ma Biancardi punta forte su due pezzi forti del capoluogo per mettere in atto il suo progetto sui poli museali: osservati speciali il Museo Irpino di Corso Europa e il Carcere Borbonico, che dovranno diventare veri e propri attrattori culturali, ospitando mostre d’arte e attività finalizzate alla promozione del patrimonio provinciale e non solo.

I commenti sono chiusi.