IIA ceda all’Asi l’area inutilizzata. Anche Confindustria interviene sul “caso”.

Anche il Presidente di Confindustria  Avellino, Giuseppe Bruno, interviene con una nota sulla vicenda dei suoli inutilizzati da Industria italiana Autobus . Un paradosso evidenziato proprio dal direttore di Irpinia Tv , Franco Genzale , che da tempo sottolinea questa palese irregolarità anche attraverso altri canali di informazione on line. Nell’articolato comunicato, il numero uno di via Palatucci non solo manifesta riserve  sul progetto di rilancio dello stabilimento ( le sistematiche proroghe vissute in 5 anni, fin dall’era Del Rosso  sarebbero servite solo a garantire ai lavoratori la cassa integrazione) , ma ritiene che  questa situazione abbia danneggiato la Valle dell’Ufita e l’Intera provincia . Industria Italiana Autobus  ceda all’Asi gli 800 mila metri quadri  al netto dei capannoni e delle aree di pertinenza  alle stesse condizioni  di acquisto  evitando di porre in essere ogni forma di speculazione immobiliare.Giuseppe Bruno però puntualizza, Fiat non è responsabile, anzi da questa vicenda, si legge nel comunicato  ne esce danneggiata moralmente e sul fronte patrimoniale   essendo stata indotta a cedere, finanche rimettendoci economicamente , l’intero complesso industriale  in perfetto stato oggi ridotto ad un indecente degrado.

I commenti sono chiusi.