Suor Emilia non ce l’ha fatta, muore anche 77enne di Trevico. I morti per Covid salgono a 21

Suor Emilia non ce l’ha fatta. E’ ritornata alla casa del Padre. Le sue condizioni erano gravissime ma Ariano ha pregato affinché la Superiora del Conservatorio di  San Francesco Saverio tornasse nella sua città per continuare a dirigere la struttura. Suor Emilia è spirata nel tardo pomeriggio al Moscati di Avellino dove era ricoverata da più di una settimana  in rianimazione. Il Covid 19 le aveva causato gravi crisi respiratorie, le sue condizioni sono subito apparse disperate. La notizia della sua scomparsa  ha gettato nello sconforto l’intero paese che ha già perso ,pochi giorni fa  sempre a causa del coronavirus, un altro riferimento importante per i fedeli , Don Antonio Di Stasio. Suor Emilia  ha accompagnato la vita di numerose generazioni  formatesi in quell’istituto. Era cresciuta , orfana di genitori insieme alla sorella, proprio con le oblate del Conservatorio , una struttura che ospita anche scuole materne ed elementari , una vera e propria istituzione per il tricolle. Nata ad Ariano Irpino 79 anni fa, aveva maturato fin da giovane  la convinzione di dover donare la sua vita a Dio e di indossare l’abito religioso. Antonietta Scaperrotta lascia un grande vuoto, sia per le sue qualità umane che per la sua grande capacità di trasmettere la fede al servizio del Signore. Il Vescovo della Diocesi di Ariano Lacedonia ,Sergio Melillo, dopo aver appreso la notizia  si è rivolto ai fedeli “Con il cuore sanguinante e le lacrime agli occhi vi comunico che è morta suor Emilia. Vi chiedo di pregare e celebrare una santa messa in suffragio per una religiosa che ha dato tanto alla nostra Chiesa”.

Non solo, al Moscati è deceduto anche un 77enne di Trevico. È la ventunesima vittima in Irpinia

I commenti sono chiusi.