Radici e resistenza, l’Irpinia raccontata da Michele Citoni

Il pluripremiato documentarista romano ci racconta cosa lo affascina così tanto della nostra terra, diventata ormai la sua musa ispiratrice

Quando Frank Cancian tornò a Lacedonia 60 anni dopo, Michele Citoni non si fece scappare quest’occasione e riuscì a trascorrere ben tre giorni insieme all’antropologo americano, ripercorrendo gli stessi luoghi alla ricerca dei personaggi delle sue foto del 1957.  Così è nato “5×7, il paese in un scatola” il documentario realizzato da Michele Citoni in collaborazione con la Proloco Gino Chicone,  Lapilart e il Comune di Lacedonia. Il film pluripremiato (vincitore dell’ Intima Lente, festival promosso Aldo Colucciello; menzione speciale della giuria all’ Etno Filmfest di Monselice; premio della direzione del Festival Monfilmfest; miglior documentario all’ Arizona Underground Filmfest; miglior documentario al Foot Candle Filmfest del North Carolina) oggi è parte integrante della mostra in corso a Roma: “FRANK CANCIAN. Un paese del Mezzogiorno italiano. Lacedonia 1957”.

Michele Citoni è un romano, addetto stampa per una società che lavora per il Comune di Roma, con una profonda passione per il documentario antropologico. In occasione del 25ennale del terremoto dell’80 si trovò a far parte del gruppo di lavoro che produsse un documentario sul post terremoto in Campania: “Terre in moto”. Quella fu l’occasione che lo fece innamorare dell’Irpinia.

Nel suo percorso ha incontrato Franco Arminio e, dopo aver partecipato con lui alle prime edizioni di Cairano 7X, ha sentito fortemente l’esigenza di partecipare in prima persona alla narrazione di un territorio così complesso e allo stesso tempo affascinante.  In tutti i suoi lavori c’è un tema centrale che lo lega ad una ricerca costante e illimitata: la resistenza culturale a difesa delle proprie radici.

La tensione viva che c’è tra le persone e la loro terra, questo mi affascina più che mai –  spiega Michele Citoni –  una tensione che non si risolve mai, alla costante ricerca di una soluzione tra l’equilibrio e la resistenza”.

I commenti sono chiusi.