Dogana, parcella da 290mila euro per la nuova archistar

Il sindaco Gianluca Festa ha avviato la trattativa sul Mepa per la scelta del professionista attraverso procedura negoziata e non aperta a tutti. 290mila euro la cifra investita per regalare alla città "un progetto unico", come scritto nelle intenzioni della delibera di giunta

Dopo due anni di promesse con tanto di annunci di archistar, poi fuggiti, qualcosa finalmente torna a muoversi sulla Dogana. L’amministrazione Festa infatti ha avviato la trattativa tramite Mepa per l’assegnazione del progetto, che verrà affidato, nelle intenzioni del sindaco, di nuovo a un professionista dal valore internazionale.

D’altra parte la cifra impegnata è decisamente notevole: palazzo di città ha deciso di investire 290mila euro per la parcella dell’archistar. Che pare sia già stato individuato: la procedura fissata dagli uffici del comune infatti sembra prevista per chiudere la pratica con un tecnico con cui ci sia stato un precedente accordo di massima.

Nella delibera di giunta infatti è scritto che l’appalto pubblico, nonostante la cifra sopra soglia superiore ai 250mila euro, verrà aggiudicato con una procedura negoziata e non dunque aperta a tutti, motivando con la giustificazione dello scopo dell’affidamento in questione, “consistente nella creazione o nell’acquisizione di un’opera, con valenza artistica ed architettonica, tale da poter essere considerata unica”.

Insomma Festa non vuole badare a spese e consegnare alla città qualcosa di unico, affidandosi nelle mani di un artista di fama internazionale.

E mentre sale la curiosità sul nome scelto, non mancheranno però le polemiche per una procedura che farà probabilmente storcere il naso a qualcuno. L’Ordine degli architetti aveva già avvertito che avrebbe preferito una gara aperta a tutti, meglio ancora un concorso di idee; invece il sindaco sembra aver già fatto le sue scelte.

Dopo il progetto si dovrà passare al restauro: oltre tre milioni di euro i fondi a disposizione per ridare finalmente nuova vita alla Dogana e al centro storico cittadino

I commenti sono chiusi.