Anche Avellino recluta i percettori del reddito di cittadinanza: oltre 200 al lavoro

Dopo Ariano Irpino, anche il comune capoluogo recluta oltre 200 beneficiari del reddito di cittadinanza per lavori di pubblica utilità

Dopo Ariano Irpino anche il comune di Avellino assolda i beneficiari del reddito di cittadinanza. Mentre latita infatti il lavoro vero e proprio, che i navigator avrebbero dovuto individuare per reinserire i percettori del reddito, il comune di Avellino ha organizzato una serie di attività di pubblico servizio in cui potranno essere impiegati, così come dispone la normativa nazionale.

I percettori devono infatti mettersi a disposizione per un minimo di 8 ore a un massimo di 16 ore settimanali, palazzo di città ha finalmente, dopo due anni, organizzato una serie di attività sociali, che verranno coordinate dalla dottoressa Maria De Rosa, funzionaria del settore politiche sociali.

Quattro gli ambiti in cui saranno coinvolti gli interessati: il primo si chiama “Me ne prendo cura” ed è dedicato ai beni comunali; il secondo di carattere ambientale è denominato “Cuore verde”, gli ultimi due progetti sono in ambito sociale dal nome “Io ti do una mano” e “A scuola sicuri”. Sono oltre 200 i percettori del reddito del capoluogo che verranno coinvolti nei vari progetti, un valido aiuto per il personale del comune nella cura e la manutenzione della città.

La delibera che dà l’avvio ai progetti è stata appena approvata dalla giunta del sindaco Gianluca Festa, a breve dovrebbe arrivare per ognuno dei percettori la chiamata del comune

I commenti sono chiusi.