Ariano, ancora colpi in villa. Il Sindaco chiama il Prefetto

Raffica di furti in villa ad Ariano. Altri due nel fine settimana . La banda agisce sempre alla stessa ora. Paura nelle contrade periferiche, i ladri entrano in casa anche se ci sono i proprietari

Altri due raid in villa nel fine settimana, adesso è allarme ad Ariano. Il sindaco, Enrico Franza ,scriverà al Prefetto. C’è bisogno di intensificare la presenza di forze dell’ordine sul vasto territorio del comune . Nelle prossime ore convocherà il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica . La banda di ladri  ha colpito prima  in contrada Serra, una villetta situata di fronte al centro di riabilitazione Minerva, e poi  in Contrada Patierno, versante nord est di Ariano . L’orario sempre lo stesso, nel pomeriggio tra le 17.00 e le 19.00. In Contrada Serra ad accorgersi della presenza dei ladri è stato il cane  che si trovava nell’abitazione insieme alla padrona e sua figlia. I ladri si sono introdotti nell’abitazione arrampicandosi ad un canalone, quindi dai balconi hanno poi raggiunto  le stanze da letto  alla ricerca di soldi e oro. Quando le due donne , insospettite dal cane si sono accorte della presenza dei malviventi nelle camere , chiuse a chiave dall’interno, hanno subito lanciato l’allarme ma la banda è riuscita  a fuggire nella campagna retrostante  . In contrada Patierno i delinquenti  si sono introdotti nella villetta  dopo aver infranto il vetro di una porta finestra. In casa non vi era nessuno ed hanno portato via un pc e del denaro in contante . I proprietari al loro rientro hanno trovato la casa a soqquadro . Si pensa che ad agire sia sempre la stessa banda. I delinquenti entrano  nelle abitazioni  incuranti della presenza dei proprietari . Nel giro di un mese hanno messo a segno furti in numerose zone Ariano, Contrada Torana, Via Villa Caracciolo, Contrada Santa Barbara e , nel fine settimana Serra e Patierno. Sempre lo stesso modus operandi ma questa volta potrebbero  avere le ore contate grazie alle telecamere di alcune abitazioni adiacenti  le cui registrazioni sono ora al vaglio dei Carabinieri.

I commenti sono chiusi.