Psicodramma commissioni: la maggioranza diserta, altri segnali di crisi di Festa

Non solo gli alleati, ma anche i fedelissimi di Festa disertano la capigruppo che avevano richiesto loro stessi per risolvere il nodo commissioni. L'opposizione gongola, Cesa attacca i suoi colleghi: "Questa è la maggioranza di Festa, che vergogna"

Sedie vuote al posto dei capigruppo di maggioranza, continuano i segnali di dissenso nei confronti del sindaco Gianluca Festa. Tutti i gruppi della coalizione hanno disertato la riunione che era stata convocata proprio per volontà della maggioranza per risolvere il nodo commissioni. Dopo che i dissidenti hanno dato vita al gruppo misto gli organismi consiliari stavano andando tutti appannaggio dell’opposizione, fino addirittura ad eleggere presidente della commissione cultura Luca Cipriano. Un trend che renderebbe a dir poco tortuoso l’iter delle pratiche amministrative. Ma alla convocazione del presidente del consiglio comunale Ugo Maggio i leader della maggioranza hanno risposto tutti assente, non solo i rappresentanti degli alleati di Festa, D’Agostino e Petitto, ma perfino i suoi fedelissimi delle liste Davvero e W la libertà. L’ennesimo segnale di un malcontento nei confronti del sindaco e anche di Maggio, più volte finito nel mirino del fuoco interno.  E Gennaro Cesa, a capo del gruppo misto, rincara la dose

I commenti sono chiusi.