Enoturismo, nuovi trend: genitori e nonni adottano una vite in Irpinia per figli e nipoti

“Adotta una vite” è il progetto nato da Michele Bello e Antonella Coppola per promuovere l’Irpinia partendo dal vino. 27 le cantine che hanno aderito all’iniziativa, tante le richieste ricevute da parte di nonni e genitori che hanno deciso di regalare un filare a figli e nipoti

Adottare una vite è una vera emozione per appassionati o professionisti del vino, un atto che non si traduce solo nel bere o regalare una bottiglia, ma è anche scoprire un territorio.

È proprio basandosi su questo valore che nasce il progetto “Adotta una vite”. L’idea è partita da due avellinesi Michele Bello e Antonella Coppola, che oltre ad essere marito e moglie, insieme si battono da sempre per promuovere l’Irpinia partendo dal vino con Vitigni Irpini.

Il progetto è stato sin da subito ben accolto dai produttori, dai professionisti del settore e dai semplici appassionati. A pochi mesi dall’avvio sono davvero tante le richieste ricevute da parte di nonni e genitori che hanno deciso di regalare un filare a figli e nipoti.

“Siamo entusiasti, perché abbiamo visto aumentare di giorno in giorno le richieste per il nostro progetto – ha dichiarato Antonella Coppola –  Ad oggi le cantine che hanno abbracciato il progetto sono 27 e tante altre hanno fatto richiesta per entrare a far parte della famiglia Vitigni Irpini. E sono in tanti a voler regalare e intitolare a nipoti o figli appena nati un filare di vino pregiato che i nostri produttori vinificano in Irpinia. Diverse anche le richieste ricevute da parte di imprenditori – continua Antonella – che stanno programmando di donare come premio produzione ai propri dipendenti una vite di vino Irpino”.  

“Crediamo fortemente che l’Irpinia meriti un enoturismo di qualità – conclude Michele Bello – Il nostro Vitigni Irpini è un progetto di promozione turistica del territorio ma anche un Wine Shop, con spedizione in tutta Italia, e un portale dove poter degustare online i vini con i produttori”.

I commenti sono chiusi.