Morte improvvisa per un senegalese di 22 anni

Era ad Avellino ospite di un amico. La salma liberata dopo esame esterno da parte del medico legale

Si è accasciato davanti ai suoi connazionali. Era più o meno l’ora di pranzo. Per lui non c’è nulla da fare. Malore fatale, morte per cause naturali come accertato poco dopo dal medico legale, la dottoressa Carmen Sementa, intervenuta sul posto. E’ accaduto nel centro di Avellino, in un appartamento di via Pionati, a due passi da piazza Kennedy. Così è deceduto un senegalese di 22 anni. Era ad Avellino da qualche giorno ospite di un amico. Il giovane aveva un permesso di soggiorno per asilo politico. In Italia da alcuni mesi, era di stanza a Foggia. La richiesta di soccorso al 118 è partita subito, ma a nulla è valso il tempestivo intervento dei sanitari della centrale operativa che ne hanno constatato il decesso. Sul posto anche la polizia. Dopo i riscontri del caso, gli agenti hanno raccolto le testimonianze degli amici e alla luce delle risultanze dell’esame esterno del corpo, la salma è stata subito rilasciata.

I commenti sono chiusi.