Comunità Montana dell’Ufita, fumata nera per la presidenza. Si cerca l’accordo

I 17 sindaci dell'ente montano cercano un nome di sintesi per il dopo Leone. Caruso: fare presto per non perdere importanti opportunità di sviluppo e lavoro

Non è stata presentata alcuna candidatura all’assemblea dei sindaci convocata dal consigliere anziano Paolo Caruso ,sindaco di Zungoli, per eleggere il nuovo presidente della Comunità Montana dell’Ufita rimasta senza guida dopo le dimissioni dell’ex presidente, Giuseppe Leone, coinvolto in una vicenda giudiziaria. Fumata nera, ma i sindaci , che si sono riuniti nella sede del centro fieristico, stanno lavorando per ricompattare le varie posizioni e trovare una candidatura unitaria di sintesi. Due i nomi sui quali si lavora: Giovanni Contardi ,sindaco di San Sossio Baronia e Raffaele Fabiano  primo cittadino di Casalbore . Intanto è corsa contro il tempo, questo periodo di vacatio amministrativa sta rallentando l’attività dell’ente con gravi ripercussioni sui lavoratori e sul ruolo che la Comunità Montana  dovrà giocare nei prossimi anni: c’è il rischio che si perdano importanti fondi europei  e soprattutto  il treno dell’alta capacità.

(intervista a Paolo Caruso)

I commenti sono chiusi.