L’Irpinia celebra i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri

Nella settimana delle celebrazioni per i settecento anni dalla sua morte, l’Irpinia ricorda il Sommo Poeta con diversi appuntamenti culturali

Nella settimana delle celebrazioni per i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, avvenuta secondo gli storici nella notte tra il 13 e il 14 settembre 1321, l’Irpinia ricorda il Sommo Poeta con diversi appuntamenti culturali.

Ad Avellino lo storico dell’arte Luca Maria Spagnuolo leggerà l’ultimo canto del Paradiso presso la Chiesa del Carmine martedì sera alle 20:00. Nel corso dell’incontro poi leggerà un testo giullaresco in lingua lombarda del ‘300 e una canzone napoletana dell’800 scovata da lui stesso da una rivista dell’epoca.

Prosegue anche il viaggio di Salvatore Mazza e la compagnia teatrale Clan H con lo spettacolo “Alla scoperta di Dante” in programma il 18 settembre alle ore 18:30 a Castelfranci nell’ambito della rassegna “Festìna lente” organizzata dalla Pro-Loco.

Sempre Sabato sera nel Parco Archeologico dell’antica Abellinum ad Atripalda ritornano i Tragicamente Comici di Maurizio Merolla con “La divina Commedia in volgare ma non troppo” letture dei versi in costume recitati in lingua napoletana.

I commenti sono chiusi.