Addio al centro vaccinale “che tutta Italia ci invidia”: in arrivo nuovo trasloco

Alla fine di settembre non si tornerà più al Campo Coni per i vaccini: la struttura verrà riconsegnata alle società sportive. Il centro era costato 70mila euro per il suo adeguamento, è stato utilizzato solo tre mesi. Il sindaco annuncia di essere pronto a inaugurare un terzo centro vaccinale a breve

Chiude definitivamente al pubblico il centro vaccinale “che tutta italia ci invidia”, come lo definì lo stesso sindaco Festa. Non aprirà più infatti la tensostruttura del Campo Coni: spesi 70 mila euro per il suo adeguamento, il centro sportivo come sede vaccinale è durato solo tre mesi, da marzo a giugno, per poi venir chiuso per il caldo eccessivo.

Da lì il trasferimento temporaneo al palazzetto dello sport, ma il sindaco Festa aveva assicurato che da settembre si sarebbe tornati al Campo Coni, salvo poi accorgersi, solo ora, che forse era il caso di restituirlo alle società sportive per consentire i loro allenamenti. E adesso il sindaco si ritrova a dover rimediare alla sua scelta lungimirante: 70mila euro spesi per ritrovarsi senza un centro vaccinale, dato che fra poco anche il Paladelmauro dovrà essere restituito agli atleti di pallacanestro.

Ma Festa dice di essere già pronto a inaugurare una nuova struttura: indiscrezioni dicono si tratti della palestra della scuola di San Tommaso, il primo cittadino preferisce creare la solita suspence

I commenti sono chiusi.