Il Summer fest chiude il cerchio con la mostra del maestro Spiniello al Casino del Principe

“La terra è stanca” è il titolo della mostra del maestro Spiniello che il Casino del Principe ospiterà dal 25 settembre all’8 gennaio. Un grido d’allarme dall’arte rispetto all’emergenza ambientale

Con la mostra di Giovanni Spiniello si chiude il ciclo degli appuntamenti dell’Avellino Summer Fest.

Dal 25 settembre all’8 gennaio 2022 il Casino del Principe ospita “La Terra è stanca” una selezione di opere unica, con cui il maestro vuole sensibilizzare i visitatori sul tema dell’emergenza ambientale.

“La terra è stanca – afferma l’artista – circondata dall’indifferenza, e il nostro cuore è diserbato, insensibile, eppure, vista da lontano, dalla luna, la terra è ancora bella, seppur gravata del peso dell’uomo”.

La terra, l’albero, la favola sono al centro della sua arte: nelle azioni di arte nel sociale negli ‘60, dove nelle aie dei contadini effettuava le sue performance insieme ai bambini; nella fossilizzazione oggettuale, tecnica di sua invenzione degli anni ‘70 dove attraverso il torchio incideva sulla carta i segni della natura, i rifiuti, in una museificazione della natura che anticipava le sue azioni di arte ambientale; nell’Albero Vagabondo, scultura itinerante negli ultimi 12 anni, con i disegni dei più piccoli ad indicare le discariche in montagna; nella semina del colore delle sue terraoggettografie e, da fine anni ‘90, nel primo ciclo de L’uccello pavone racconta la Terra è stanca, che, infine, tralascia la figurazione delle favole per tornare all’astrattismo, in un cromatismo acceso che annulla anche le forme limitandosi all’unico cerchio della terra.

 

I commenti sono chiusi.