Piano di zona, il Tar accoglie il ricorso di Festa: commissari congelati

Il Tar accoglie la richiesta di sospensiva proposta dal sindaco di Avellino, stop al commissariamento almeno fino al 7 dicembre, giorno in cui è atteso il giudizio di merito

Piano di zona, il sindaco Gianluca Festa vince il primo round al Tar di Salerno e il commissariamento imposto dalla Regione Campania viene sospeso. Si dovrà attendere il giudizio di merito, fissato al prossimo 7 dicembre, per capire se il provvedimento di Palazzo Santa Lucia entrerà in vigore o meno.

I giudici amministrativi per ora lasciano il controllo delle politiche sociali del capoluogo e dei 15 comuni appartenenti all’ambito nelle mani del sindaco di Avellino, che ha impugnato immediatamente la delibera di nomina dei tre commissari scelti dalla giunta De Luca, convinto che il commissariamento sia una ritorsione politica del governatore nei suoi confronti.

Il Tar ha però accolto la sua tesi per una ragione piuttosto semplice: tutte le contestazioni della Regione Campania sulla mancanza di atti e documentazioni non prodotti dal comune di Avellino, e che hanno impedito l’avvio dell’azienda consortile, non erano supportate, data l’immediatezza del ricorso proposto da Festa, da una puntuale ricostruzione istruttoria; integrazioni richieste dai giudici e che verranno presentate dagli uffici regionali nei prossimi giorni in vista del giudizio di merito. Fino a quel giorno, tutto rimane com’era e il commissariamento resta congelato

I commenti sono chiusi.