Liste di attesa, ecco come fare per accorciare i tempi della prenotazione

La nota di Cittadinanzattiva Campania e Tribunale per i diritti del malato di Avellino

Come richiedere che la prestazione sanitaria venga tempestivamente erogata, anche in regime di privato convenzionato. Ecco il testo del comunicato stampa di Cittadinanzattiva Campania e Tribunale per i diritti del malato di Avellino. Ed i riferimenti utili: Il cittadino ha diritto di accedere alle prestazioni sanitarie (primi accessi: visite specialistiche, esami diagnostici per immagini e radiologici ed analisi di laboratorio) nei tempi massimi previsti dal Piano nazionale e regionale del governo delle liste di attesa rispetto al codice di priorità assegnato dal medico nella prescrizione. (È noto che il medico prescrittore, di base o specialistico, per le prime prestazioni sanitarie di cui sopra, DEVE SEMPRE indicare una delle quattro classi di priorità predefinite nel predetto piano: U – con attesa massima 72 ore; B – con attesa massima 10gg; D – con attesa massima 30gg per le visite e 60gg per gli esami; P – con attesa massima 120gg).

Ciò posto, Cittadinanzattiva Campania e il Tribunale per i Diritti del Malato di Avellino informano i cittadini che lo stesso Piano Nazionale Governo delle Liste di Attesa 2019/2021, recepito con delibera della Regione Campania n. 52 del 4.7.2019 integrata con D.C.A. del 24/1/2020, al fine di assicurare il primo accesso alle prestazioni sanitarie specialistiche e ambulatoriali e di diagnostica tempestivo e appropriato al bisogno di cura, prevede, per il paziente/utente, la possibilità di accedere a percorsi di garanzia e tutela che lo stesso deve attivare nel caso in cui, in fase di prenotazione, vengano superati i suddetti tempi massimi. In questo caso, ricevuta la prenotazione oltre il tempo massimo della priorità assegnata nella impegnativa, l’interessato deve attivare i suddetti percorsi inviando alle Direzioni Generali ASL o Ospedaliere un modulo (Cittadinanzattiva Campania e il TDM Avellino hanno predisposto un modulo e lo mettono a disposizione) in cui viene chiesta l’individuazione della struttura pubblica o convenzionata in grado di erogare la prestazione di diagnostica o specialistica entro i tempi massimi stabiliti o autorizzare la prestazione in intramoenia senza oneri aggiuntivi oltre al ticket e comunicato che in caso di assenza di risposta in tempo utile si provvederà ad eseguire la prestazione sanitaria in una struttura privata convenzionata e successivamente se ne chiederà il rimborso.

È possibile scaricare il predetto modulo al seguente link https://qrcgcustomers.s3-eu-west-1.amazonaws.com/account6248040/20764599_1.pdf?0.940564200412383 oppure inquadrando il QR Code nella locandina della campagna informativa messa in atto. La locandina reca peraltro esplicitazione, per step, del percorso da seguire per attuare correttamente i percorsi di cui trattasi. Per informazioni e assistenza lungo tutto il percorso di garanzia previsto dalla normativa è possibile contattare il Tribunale per i Diritti del Malato di Avellino disponibile h24 al numero di cell. 3519921517 Coordinatrice A.T. Cittadinanzattiva Montefalcione Avellino Bassa Irpinia Rete Tribunale Per I Diritti del Malato Avellino Dr.ssa Marcarelli Angela Segretario Regionale Cittadinanzattiva Campania APS -Napoli Dott. Latella Lorenzo

I commenti sono chiusi.