Primo maggio, la festa di ciò che manca: il lavoro

Tra inattivi e disoccupati sono 94.307 le persone in provincia di Avellino fuori per motivazioni diverse dal mondo del lavoro

Un esercito di persone a spasso: c’è chi è stato licenziato più o meno recentemente ed è in cerca di un’alternativa, c’è chi ambisce alla prima occupazione e c’è chi – rappresentano la stragrande maggioranza – un lavoro non lo cerca più perché sfiduciato perché adagiato o peggio ancora perché fa leva sugli ultimi strumenti pubblici di sostegno. Numeri che fanno rabbrividire, cifre alla mano in provincia di Avellino parliamo di 94.307 persone: nel 60% dei casi si tratta di donne ed in linea generale uno su tre è giovane, vale a dire meno di 35 anni.

I commenti sono chiusi.